00:00:00
25 Sep

“L’Oro della Puglia e di Federico II”

Conoscere la storia, recuperare l’identitàcooperareprogettare esperienze uniche saper raccontare: sono gli ingredienti fondamentali per valorizzare il territorio e le sue eccellenze.

La ricetta è stata illustrata durante la due giorni che ha visto Torremaggiore capitale dell’olio extravergine con l’edizione 2023 del Premio “L’Oro della Puglia e di Federico II”.

L’evento – organizzato dal Comune di TorremaggioreOLEA l’Associazione Nazionale degli Assaggiatori di Olio di Oliva e dal Gal Daunia Rurale 2020, con il supporto di Nodì Noi Coltivatori della Daunia, con la collaborazione del Consorzio Peranzana Alta Daunia, dell’Associazione La Peranzana, dell’Associazione Cuochi di Capitanata e Gargano, di AIS Puglia-Delegazione Foggia e con il supporto organizzativo di One Eventi – è andato in scena il 5 e 6 maggio scorsi e ha rappresentato un momento di grande festa per i numerosi produttori di olio provenienti da tutta la Puglia, per gli appassionati e per i cultori dell’extravergine di oliva.

Ad aprire la manifestazione, venerdì 5 maggio in Piazza dell’Incoronazione, è stato il percorso sensoriale tra gli extravergini d’oliva dell’Alto Tavoliere protagonisti della Fiera del Gusto della Daunia Rurale, che ha visto l’esposizione e la degustazione a cura delle aziende del Gal Daunia Rurale 2020. A seguire il concerto dei Vega 80, che con il tour “Episode XI” hanno portato in scena le musiche e i ricordi degli anni ‘80.

Il Castello Ducale ha ospitato la cerimonia di premiazione, svoltasi sabato 6 maggio e aperta dall’esibizione degli sbandieratori e musici “Florentinum”, alla presenza di produttori, associazioni, istituzioni e cittadini.

«Questa manifestazione è davvero importante per il territorio. Il Premio “L’Oro di Federico II” è nato proprio qui a Torremaggiore quattro anni fa e ci stiamo impegnando affinché cresca, per poter dare un valore aggiunto alle nostre cultivar», ha affermato il sindaco di Torremaggiore Emilio Di Pumpo

A portare i saluti anche la presidente dell’Associazione La Peranzana Massima Manzelli, il presidente del Consorzio Peranzana Alta Daunia Michele Visconti e il Knowledge Transfer Manager presso il Grant Office dell’Università di Foggia Ernesto Di Noia.

COOPERAZIONE, CONSAPEVOLEZZA E CONFRONTO PER LA CRESCITA DEL TERRITORIO

«La cooperazione è chiave di volta per lo sviluppo del territorio e della sua identità». A sostenerlo con forza è stata la Presidente del Gal Daunia Rurale 2020 Pasqua Attanasio, evidenziando il lavoro messo in campo dal Gal in questa direzione, con progetti di cooperazione che hanno permesso ai produttori dei sette comuni dell’Alto Tavoliere di conoscersi, sperimentare nuove relazioni e viaggiare insieme in un’unica direzione.

«Dobbiamo avere consapevolezza della grande qualità dei nostri prodotti e trasmetterla anche alle nuove generazioni» ha affermato Gisella Naturale che in Parlamento sta portando avanti un disegno di legge sull’olio di qualità. La senatrice ha poi spronato i produttori a credere nelle potenzialità del territorio, nella sua biodiversità e nell’olio di peranzana, che è perfettamente in grado di affrontare il mercato nazionale e internazionale.

«Confrontarsi e capire le differenze aiuta a migliorare». Ne è convinto il presidente dell’associazione Olea Renzo Ceccacci che ha presentato il Premio 2023 “L’Oro della Puglia e di Federico II”. «Il concorso è lo strumento con cui i produttori accettano di mettersi a confronto e il confronto fa capire a ciascuno il posizionamento della qualità del proprio prodotto» ha spiegato Ceccacci, sottolineando che la Puglia si  colloca ai vertici qualitativi del mondo con le sue produzioni.

L’OLEOTURISMO: OPPORTUNITÀ E POSSIBILITÀ DI GENERARE VALORE ECONOMICO

È sempre più forte il binomio cibo-viaggio ed è in crescita il numero di turisti che scelgono una meta in funzione dell’esperienza enogastronomica, che va ben oltre il mero consumo dei prodotti tipici.

«L’oleoturismo è una grande opportunità. Dobbiamo capire se siamo pronti a promuoverlo o, se non lo siamo, cosa fare per sfruttare questa grande opportunità che rappresenta un elemento di diversificazione per lo sviluppo delle filiere», ha affermato il direttore del Gal Daunia Rurale 2020 Dante De Lallo, sottolineando che sul territorio il binomio tradizione-innovazione deve portare allo sviluppo di una progettualità sostenibile e competitiva. «Questo è un elemento importante per far crescere un comparto e l’intero territorio», ha affermato De Lallo evidenziando la necessità di recuperare le diverse identità presenti nell’Alto Tavoliere, riconnetterle  attraverso la cooperazione e saperle raccontare.

A sottolineare la necessità di saper raccontare e valorizzare prodotti di eccellenza come la cultivar di peranzana è stata anche Colomba Mongiello, autrice della “Legge Salva Olio” che ha compiuto dieci anni. «Forse senza quel percorso giuridico oggi non staremmo qui a parlare di un prodotto intorno al cui valore si può generare altro valore economico», ha sostenuto la Mongiello, evidenziando che il turismo enogastronomico ha un valore economico di circa 5 miliardi di euro all’anno e che la DopEconomy conta qualcosa come 16 miliardi di euro (dati XVII Rapporto Ismea-Qualivita), confermandosi driver fondamentale dei distretti agroalimentari del nostro Paese. Da qui l’invito ad essere più veloci nelle decisioni, a trovare l’accordo tra consorzi, aziende, politica e parte tecnica, per far crescere questo territorio e soprattutto per fare in modo che le nuove generazioni non lo abbandonino.

«Attenzione però: non bisogna pensare che fare un olio buono significhi aver costruito un’attrattiva turistica. È necessario ragionare anche sul concetto di destinazione turistica perché l’accoglienza è prodotto al pari dell’olio e come tale va progettato», ha ribadito Elisabetta De Blasi, presidente dell’associazione “Passione Extravergine”, che ha rimarcato l’importanza per i produttori di partire dall’identità e dalle caratteristiche del prodotto per costruire esperienze memorabili e autentiche all’interno delle proprie aziende.

GRAN GALA “L’ORO NEL PIATTO”: CONOSCERE LE DIVERSE CULTIVAR

«Per arrivare a tutti è necessario far conoscere l’olio e le diverse cultivar», ha ribadito il presidente dell’associazione Olea Renzo Ceccacci. Per questo durante il Gran Gala “L’Oro nel Piatto”, andato in scena la sera di sabato 6 maggio nel Castello Ducale, i presenti hanno avuto la possibilità di confrontare e capire la differenza tra la peranzana e l’ascolana, due oli diversi messi alla destra e alla sinistra di un piatto di fave e cicoria preparato dall’Associazione Cuochi di Capitanata e Gargano, in abbinamento ad una selezione di vini a cura dell’Associazione Italiana Sommelier Puglia.

LE AZIENDE PREMIATE

4° PREMIO REGIONALE “L’ORO DI FEDERICO II”

SEZIONE AZIENDE AGRICOLE

Tipologia Blend

Categoria fruttato medio

1°posto: Az. agr. Gabriele Grossi, Andria

2° posto ex aequo: S.A.S. L’Aurora “Visconti Storie di Terra”, Torremaggiore e Az. agr. Moffa Salvatore, Torremaggiore

3° posto ex aequo: Fratelli Ferrara s.a.s., Canosa di Puglia e Terresanseveresi s.r.l.s., San Severo

Categoria fruttato intenso

1° posto: Az. agr. Spaccavento Francesco Saverio, Molfetta

Tipologia Monocultivar

Categoria fruttato medio

1° posto: Agribiologica Costantino, Torremaggiore

2° posto: Podere Serraglio s.r.l., San Severo

3° posto ex aequo: Mio Padre è un Albero, San Severo e Az. agr. Moffa Salvatore, Torremaggiore

Categoria fruttato intenso

1° posto: Az. agr. Donato Conserva, Modugno

2° posto: Az. agr. Leonetti Francesco, Andria

SEZIONE FRANTOI

Tipologia Blend

Categoria fruttato medio

1° posto: Nonno Vittorio s.r.l., Torremaggiore

Tipologia Monocultivar

Categoria fruttato medio

1° posto: Soc. agr. PA.VI.RO s.n.c., Torremaggiore

2° posto ex aequo: Nonno Vittorio s.r.l., Torremaggiore e Frantoio Sacco di SOFI s.a.s., Torremaggiore

3° posto ex aequo: Oleificio Cericola Emilia Soc. Agr. s.r.l., Foggia e Salamida Pietro Frantoio Oleario, Alberobello

15° PREMIO REGIONALE “L’ORO DELLA PUGLIA”

SEZIONE AZIENDE AGRICOLE

Tipologia Blend

Categoria fruttato medio

1° posto: Az. agr. Gabriele Grossi, Andria

2° posto: Az. agr. Valentini Ambrogio, Martina Franca

3° posto ex aequo: S.A.S. L’Aurora “Visconti Storie di Terra”, Torremaggiore e Az. agr. Moffa Salvatore, Torremaggiore

Categoria fruttato intenso

1° posto: Az. agr. Spaccavento Francesco Saverio, Molfetta

Tipologia monocultivar

Categoria fruttato leggero

1° posto: Az. agr. Pepe Mariangela Vanessa, Surano

Categoria fruttato medio

1° posto: Agribiologica Costantino, Torremaggiore

2° posto: Podere Serraglio s.r.l., San Severo

3° posto ex aequo: Mio Padre è un Albero, San Severo e Az. agr. Moffa Salvatore, Torremaggiore

Categoria fruttato intenso

1° posto: Az. agr. Donato Conserva, Modugno

2° posto: Az. agr. Leonetti Francesco, Andria

SEZIONE FRANTOI

Tipologia blend

Categoria fruttato medio

1° posto: Nonno Vittorio s.r.l., Torremaggiore

Tipologia monocultivar

Categoria fruttato leggero

1° posto: Monsignore s.r.l., Fasano

Categoria fruttato medio

1° posto: Soc. agr. PA.VI.RO s.n.c., Torremaggiore

2° posto e x aequo: Nonno Vittorio s.r.l., Torremaggiore e Frantoio Sacco di SOFI s.a.s., Torremaggiore

3° posto ex aequo: Oleificio Cericola Emilia Soc. Agr. s.r.l., Foggia e Salamida Pietro Frantoio Oleario, Alberobello.

SCARICA LE FOTO, IL VIDEO, LE INTERVISTE DI L’ORO DELLA PUGLIA E DI FEDERICO II 2023.

Allegati:

Categoria:EnogastronomiaEventi

Condividi
Potrebbero interessarti

Continua FestambienteSud a Vieste con grandi concerti. “Un Ponte di Note tra Italia e Brasile”: sul palco Toquinho & Camilla Faustino, Chiara Civello, Jacques Morelenbaum, Stefania Tallini e Gabriel Grossi Trio. Conduce Max De Tomassi.Il programma della prima giornata di FestambienteSud 2021. Venerdì 23 luglio, Monte Sant’Angelo.L’incontro di Fausto Mesolella con Foggia. Una lezione di vita e di musica al ‘Poerio’.Morgan & Megahertz @ Bioelectric Tour chiudono la 3^ edizione del Cacc’e Mmitte FestivalI cammini di Mònde 2021: passeggiata teatrale e possibilità di percorrere la Foresta in mountain bike.Ultimi due appuntamenti per “TUTTILIBRI – Libri x Tutti”, sul Gargano con Francesco Paolo Tanzj e Andrea Prencipe. Il 9 e l’11 agosto 2022 in piazza Pertini a Peschici.

Da altre categorie