00:00:00
30 Jun

Decima edizione per il “Raduno dei Suonatori di Tarantella”, danze e suoni nella città dei due siti Unesco

Dieci eventi tra concerti, workshop e visite alla scoperta dei Patrimoni UNESCO nel weekend del 31 luglio 1 agosto.

Si terrà nell’ultimo weekend di luglio l’attesissima decima edizione de il Raduno dei Suonatori di Tarantella. Una due giorni di eventi nella Città dei due Siti Unesco. Tanti ospiti e laboratori, musica e danze che si riprendono i propri spazi dopo mesi di silenzio ed isolamento.

Lo scorso anno, vista l’emergenza covid-19 e le restrizioni ad essa connesse, gli organizzatori hanno deciso di promuovere in modo responsabile l’ANTEPRIMA della X Edizione, la “DistDanced edition”, per dare continuità alla manifestazione che è ormai punto di riferimento per i suonatori, i danzatori, gli appassionati di musica popolare, ma è soprattutto un momento di valorizzazione della tradizione garganica.

Lo scorso anno la speranza era quella di organizzare una decima edizione senza distanziamenti ed in totale serenità, toccherà mantenere ancora le distanze, ma non mancheranno la passione e l’entusiasmo che da sempre caratterizzano la manifestazione promossa da Studio Uno e Associazione Museca con la direzione artistica di Peppe Totaro.

Due le visite guidate ai siti UNESCO. Sabato 31 una passeggiata alla scoperta delle secolari Faggete Vetuste della Foresta Umbra e domenica 1 agosto la storia, l’arte e la spiritualità del Santuario di San Michele Arcangelo, meta di pellegrinaggi di fedeli e laici da oltre quindici secoli.

Workshop per danzatori e suonatori. Il primo il 31 luglio, all’ombra delle faggete di Umbra con Veronica Calati, danzatrice di formazione classica conquistata dalla pizzica a tal punto da farla diventare la sua principale forma di espressione artistica. Conduce costantemente stage di pizzica per bambini e adulti, ha collaborato con numerosi artisti e gruppi musicali esibendosi in festival in Italia e all’estero, oltre ad aver danzato al più grande festival di pizzica nazionale La notte della Taranta di Melpignano, nel 2011. Il secondo workshop è affidato ad una delle eccellenze del tamburello nel Sud Italia, Antonello Iannotta, tamburellista del gruppo musicale molisano Patrios, ha collaborato con i Tarantula Garganica, Vinicio Capossela e Daniele Sepe, nello stage svelerà i segreti di uno degli strumenti fondamentali della musica popolare. Altri workshop di danza avranno luogo nel pomeriggio del 1 agosto con i gruppi partecipanti al Raduno.

I Bottari di Macerata Campana chiuderanno in concerto la prima giornata della manifestazione con il concerto sulla scalinata di Torre dei Giganti. Botti, tini e falci, utilizzati accanto ai più classici strumenti musicali sono la particolarità che accompagna il gruppo nella realizzazione dei brani, uno spettacolo unico ed assolutamente da non perdere.

Domenica 1 agosto è il giorno del Raduno dei Suonatori di Tarantella, il cuore dell’intera manifestazione, quando suonatori, danzatori e cantori si danno appuntamento per la “Suonata di Saluto” con uno spettacolo estemporaneo che esprime la tradizione e la passione della musica popolare di tutto il Gargano.

In chiusura il grande concerto finale con i Cantori di San Giovanni RotondoGiancarlo Paglialunga trio, i Cantori di Monte Sant’Angelo ed i padroni di casa, i Tarantula Garganica, che presenteranno il loro ultimo lavoro “Come Staje”.

L’evento, organizzato e diretto da Studio Uno e Associazione Museca, rientra nella “Programmazione Custodiamo la cultura in Puglia” Fondo Speciale per la Cultura e Patrimonio Culturale L.R. 40 art. 15 comma 3 – Investiamo nel vostro futuro” ed è promosso in collaborazione con il Comune di Monte Sant’Angelo, il Parco Nazionale del Gargano.

Da altre categorie