00:00:00
18 Jul

Li scarpe de na vota

Tant’anne fa, quanne,
mamma nu pare de scarpe
m’accattava
allu negozio de lu “cafone”
me purtava..
Ddà, li venneva
cchjù mercate,
forse pe lu fatte
che ièvene de sola,
che lu cartone,
ammesckate!
Quanne me li muserave,
mamma, cente vote,
la punta tuccava.
Ci aveva sencerà
che ièvene cchjù larie
e cchjù longhe,
abbastanza
quanta ce vuleva
pe la crescianza!
Ma nuia faciavame
chelometre de camine
pecchè jucavame la sera
e pure la matina!
Allu pallone, a chi ncappa,
a cavadde longhe,
all’ammucce ,
a sauza ngodde…
e quanne, proprie
nen ce la faciavame cchjù,
tanne, jucavame a piantù!
E accuscì,
li scarpe ce cunzemavene
prima ancora
che juste ce cauzavene!
Mo, li vagliule, li scarpe
nen li cunzumene cchjù,
pecchè jochene sampe
che lu “compiuter”
o stanne mbacce alla tivù!
Li scarpe nove e spazzulate
inte la culunnetta
stanne affelate,
e se nenn avvasta
la culunnetta,
li mamme li mettene
sotte lu lètte.

Salvatore Viscio

Legenda

venneva: vendeva
cchjù mercate: a buon mercato
ievene: erano
sola: suola
ammesckate: mischiate
crescianza: crescita
larie: larghe
chi ‘ncappa: chi acchiappa (gioco)
cavadde longhe:
piantù: rimanere immobili (gioco)
cavallo lungo(gioco)
cauzavene: calzavano
vagliule: ragazzi
mbacce: davanti
culunnetta: comodino

Seguici sui nostri social

Da altre categorie