00:00:00
22 Jan

Carmela Vergura racconterà la sua avventura al TOR des GEANTS alla città di San Giovanni Rotondo

San Giovanni Rotondo – Largo delle Monache,  ex chiesa di Santa Maria Maddalena Sabato 29 dicembre ore 20.00 la nostra concittadina Carmela Vergura,  racconterà la sua avventura al TOR des GEANTS .

Il TOR des GEANTS è una delle gare più dure che esistono sulla terra.330 km sulle ALTE VIE della Valle d’Aosta,25000 metri di dislivello positivo con partenza da Courmayeur e arrivo a courmayeur.

Attualmente i chilometri sono oltre 340 km e il dislivello positivo supera abbondantemente i 30000 mt.

Il motivo per cui si legge ancora 330 km e 25000 metri di dislivello positivo è dato dal fatto che dalla prima manifestazione del Tor des géants, 2010, il marchio è stato registrato con queste distanze.

Nel corso degli anni il Tor ha subito una serie di modifiche sui percorsi sia delle Alte vie sia per evitare zone franate.

Questa è la mia terza partecipazione dopo il Tor De GEANTS 2011 e 2012.

Il Tor 2011 è stato una sfida vera e propria.

La preparazione non era stata finalizzata al TOR bensì a fare una serie di gare lunghe che nel termine tecnico vengono chiamate ultra-trail.

Il Tor del 2012 è stata un’esperienza che volevo ripetere per la seconda volta, reduce dai bellissimi ricordi che mi ero portata nella testa e nel cuore per l’intero anno cioè dal momento in cui ho terminato il Tor del 2011.

Nel 2012 però la gara ebbe termine nel paesino di San Remy en Bosses. Abbiamo evitato gli ultimi 30 km per problemi meteo.

La neve e il ghiaccio sul Colle del MALATRÀ hanno provocato una serie di problematiche di sicurezza sui trailer.

Quando si è a 3000 metri non è facile raggiungere e soccorrere le persone in difficoltà chi affronta il Tor De GEANTS è probabilmente un po’ pazzo. Dove il fisico non regge più allo sforzo occorre avere la testa allenata.

Tecnicamente il Tor De GEANTS è una gara di endurance Trail.

L’edizione Zero fu testata da 6 persone. Individuare il tempo massimo delle 150 ore è stato un modo per capire e confermare che qualsiasi persona in grado di sostenere uno sforzo fisico su percorsi di montagna estrema era accessibile quasi a tutti, l’organizzazione prevede 6 posti vita più una base vita finale oltre 30 ristori, mille volontari, soccorso alpino e Guide Alpine volontari in ogni base vita e lungo il percorso.

Tanto per dare un’idea sui numeri del Tor ultima edizione quella cioè del 2018 si sono si erano prescritti oltre 2500 persone da tutto il mondo sono stati selezionati 850 persone da tutto il mondo. La selezione avviene tramite un sorteggio informatico e per le prescrizioni c’è tempo 15 giorni.

Ci sono le cosiddette wildcard che permettono ad atleti sponsorizzati dalle aziende partner del Tor di accedere alla gara senza passare dalle prescrizioni come è avvenuto nel mio caso.

Possono interressarti

Ai tedeschi il Gargano piace sempre più
Territorio e Turismo
1 views
Territorio e Turismo
1 views

Ai tedeschi il Gargano piace sempre più

redazione - 22 Gennaio 2019

Oltre 50 operatori travel tedeschi hanno partecipato alla seconda tappa del BuyPuglia Tour 2019  a Francoforte il 17 gennaio scorso, dopo la prima tappa di Praga; l'evento …

La dottoressa sangiovannese Nunzia Pia Placentino alla guida di una società scientifica
News
2143 views
News
2143 views

La dottoressa sangiovannese Nunzia Pia Placentino alla guida di una società scientifica

redazione - 21 Gennaio 2019

Si è svolta  ieri presso la sala Enpam di Roma in via Torino, l’assemblea elettiva straordinaria della società scientifica ASSIMEFAC per l’elezione della carica di presidente. E’…

San Giovanni Rotondo: la scuola Melchionda guarda al futuro
News
258 views
News
258 views

San Giovanni Rotondo: la scuola Melchionda guarda al futuro

redazione - 21 Gennaio 2019

L'edificio scolastico Michele Melchionda nell'elenco degli interventi finanziati dalla Regione Puglia per la realizzazione di un impianto fotovoltaico e miglioramenti delle prestazioni energetiche e della sostenibilità ambientale.…

Da altre categorie