00:00:00
25 Mar

Sul Gargano arrivano anche i Carabinieri a cavallo

Aumenta il controllo del territorio e la sicurezza dei cittadini, soprattutto dei camminanti che percorrono la Via Francigena.

Questo in sintesi il risultato del vertice tra il Prefetto, i sindaci del Gargano e i rappresentanti delle forze dell’ordine, svoltosi in prefettura a Foggia per fare il punto della situazione della sicurezza sul territorio, dopo il recente atto intimidatorio subito dal sindaco di Monte sant’Angelo e gli omicidi consumatisi a Vieste.

Dal 6 luglio, nel bosco de La Difensa, con base nell’agriturismo Le Chiancate in agro di San Marco in Lamis, saranno presenti 8 unità di carabinieri a cavallo, provenienti dall’omonimo reggimento con sede nella caserma di Tor di Quinto a Roma.

«La presenza dei carabinieri, specializzati in compiti di perlustrazioni e di rastrellamento nei boschi ci permetterà anche di aumentare la sicurezza per i tanti camminatori che percorrono la Via Francigena. Si garantisce un controllo del territorio e una maggiore efficienza nel contrasto alle criminalità organizzata e alla illegalità nell’area protetta del Parco nazionale del Gargano», evidenzia il sindaco di San Giovanni Rotondo, Costanzo Cascavilla.

Tra l’altro la presenza dei carabinieri servirà a garantire maggiore sicurezza anche per i camminanti delle Vie dei Tratturi e della Transumanza, premesso che proprio nei giorni scorsi è stato firmato a L’Aquila il protocollo d’intesa tra sei Regioni (Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Molise e Puglia), e che prevede la realizzazione di progetti di cooperazione per la valorizzazione delle antiche “autostrade dell’erba“, di cui il Comune di San Giovanni Rotondo sarà capofila.

Seguici sui nostri social

Da altre categorie