00:00:00
25 Mar

Il saluto del nuovo Segretario Generale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio

Padre Luciano Lotti, nuovo Segretario Generale dei Gruppi di Preghiera, saluta i devoti di San Pio

Pace bene.

Ho ricevuto da poche settimane la nomina di Segretario Generale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio. Un grazie sincero a chi ha avuto fiducia in me, in particolare all’arcivescovo di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo, monsignor Michele Castoro, direttore generale dei Gruppi di Preghiera di Padre Pio, a Frà Maurizio Placentino, ministro Provinciale, e al dottor Domenico Crupi, direttore generale di Casa Sollievo della Sofferenza che ha accolto con entusiasmo la mia nomina. Mi sia consentito anche un grazie sincero a Padre Carlo Maria Laborde che mi ha preceduto in questo incarico e che è stato chiamato a solvere il difficile incarico di guardiano del Convento di Padre Pio. Un saluto affettuoso a tutti coloro che fanno parte dei Gruppi di Preghiera e in particolare ai responsabili, laici e sacerdoti.

La Chiesa e la società, in questo momento, guardano con attenzione a tutti i segni di speranza che il Signore ci invia per assicurarci che Lui non ci ha abbandonati, ma che ci segue con amore anche in questi tempi in cui tanta sofferenza e tanto odio circondano le nostre case e aggrediscono i nostri ideali più belli.

Senz’altro Padre Pio è riconosciuto ovunque come segno di speranza, lui stesso invitava ad avere fiducia sempre e comunque nel Signore e presentava la sua Opera come dono della Provvidenza di Dio.

Non lasciamoci, dunque, sopraffare da sentimenti di scoraggiamento e di sconfitta e accogliamo quelle croci che attraversano la nostra vita come occasioni di purificazione e motivo di incontro con Cristo che ancor oggi attraversa il mondo con una croce, non più strumento di morte ma di salvezza.

La preghiera comunitaria, fatta nei nostri Gruppi di Preghiera frequentemente, sia l’anima e il segno distintivo di questa nostra speranza. La Vergine Maria possa essere dovunque la stella del mattino, che sorge nei momenti di difficoltà per assicurarci la protezione e l’intervento divino.

La gioia e il sorriso benedicente di Padre Pio ci accompagnino nella vita quotidiana, nella certezza che «ognuno può dire Padre Pio è mio».

Mi auguro di poter incontrare ciascuno di voi a San Giovanni Rotondo o presso le vostre realtà. Insieme invochiamo su noi e su tutta la Chiesa la benedizione del Signore.

Il Signore ci dia la pace.

Fra Luciano

Fonte operapadrepio

Seguici sui nostri social

Da altre categorie