00:00:00
23 Jan

Il questore Sangiovannese Giuseppe De Angelis rivoluziona Como

Presidio del territorio e controlli a tappeto con un’attenzione particolare agli immigrati presenti in città.
Il questore Giuseppe De Angelis, ieri mattina, ha tracciato un bilancio degli ultimi 40 giorni di attività, ovvero da quando si è insediato a Como. Insieme a lui il vicario del questore, Eliseo Nicolì, appena nominato.
Sono 22 gli arresti effettuati – dato in crescita – mentre 59 sono gli individui indagati in stato di libertà. Seimila le persone controllate, mentre per quanto riguarda i veicoli il numero è di 3mila. «Il personale operativo sul territorio è costantemente al lavoro per garantire il massimo della sicurezza ai cittadini – ha detto il questore De Angelis – I reati commessi con più frequenza sono quelli contro il patrimonio, lo spaccio, le lesioni e in misura minore anche oltraggi a pubblico ufficiale».

Come detto, luci puntate, inoltre, sulla realtà migratoria che ha portato in città e provincia migliaia di persone. Sono 1.800 i richiedenti asilo disseminati sul territorio comasco, di questi circa l’80% si trova in città. Va ricordato come il neo questore De Angelis si stia occupando già da anni della gestione dei fenomeni migratori e delle problematiche legate alla questione. «Abbiamo accompagnato alla frontiera 6 persone. Questo per la particolare attenzione che è stata posta sul tema e agli strumenti che la legge ci fornisce per allontanare chi non è in regola – spiega il questore – Per ogni fermato avvieremo le pratiche di riconoscimento. Inoltre abbiamo anche accompagnato altre 3 persone al Cie (Centro identificazione espulsione) che rappresenta l’anticamera per l’espulsione».
Sono inoltre stati allontanati tre cittadini comunitari. Uno appena scarcerato – condannato per furto di autoveicoli e guida in stato di ebbrezza – è stato riaccompagnato con la scorta nel suo Paese di origine e gli è stato interdetto il rientro in Italia per i prossimi 5 anni.
«Mi sono inoltre fatto comunicare dal carcere i dati di tutti i 17 detenuti che verranno rilasciati nel 2017 – ha spiegato Giuseppe De Angelis – e 8 di loro hanno già un documento. Per questi si può già dire che verranno espulsi. Per gli altri è già cominciata l’attività di identificazione preventiva per essere poi pronti a intervenire», spiega sempre il questore.
Ancora sul fronte dei migranti inoltre la Questura si sta attivando con i rappresentanti dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) per incrementare, anche da noi, il ricorso al sistema dei rimpatri volontari. «Si tratta di una modalità particolare che garantisce a chi decide di ritornare di sua iniziativa nel Paese di origine assistenza e un piccolo aiuto economico. In parte in denaro contante e in parte per avviare un’attività dopo il ritorno a casa», chiude il questore.

fonte corrieredicomo

 

Possono interressarti

Il sogno di Leonardo: viaggiare con la musica
Sociale
435 views
Sociale
435 views

Il sogno di Leonardo: viaggiare con la musica

redazione - 23 Gennaio 2019

Leonardo è un ragazzo sangiovannese di 33 anni, ha una grande passione per la musica e tanta voglia di sorridere alla vita. Dopo aver tentato di approcciarsi…

22 gennaio 1903: Francesco Forgione diventa fra Pio da Pietrelcina
Cultura e Spettacolo
2656 views
Cultura e Spettacolo
2656 views

22 gennaio 1903: Francesco Forgione diventa fra Pio da Pietrelcina

redazione - 22 Gennaio 2019

La mattina del 6 gennaio del 1903, Francesco partì per entrare in noviziato. Quando bussò alla porta dell’antico convento di Morcone, si trovò di fronte una lieta…

Ai tedeschi il Gargano piace sempre più
Territorio e Turismo
264 views
Territorio e Turismo
264 views

Ai tedeschi il Gargano piace sempre più

redazione - 22 Gennaio 2019

Oltre 50 operatori travel tedeschi hanno partecipato alla seconda tappa del BuyPuglia Tour 2019  a Francoforte il 17 gennaio scorso, dopo la prima tappa di Praga; l'evento …

Da altre categorie