00:00:00
16 Apr

A ITT “L. Di Maggio il 2° Meeting sulle Energie Alternative Rinnovabili e Risparmio Energetico

Gent.ma Redazione, questo Istituto organizza il “2° Meeting sulle Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico”, rivolto agli studenti delle classi 3e, 4 e e 5 e, con focus, quest’anno, sulle Comunità Energetiche (c.d. C.E.R.).

Parteciperanno all’evento:

  • Prof. Rocco D’Avolio – Dirigente Scolastico ITT “L. Di Maggio”;
  • Dott. Gianfranco Eugenio Pazienza – Legambiente;
  • Dott. Henry Del Fabbro – Tender Manager/Project Management NORDEX Europa;
  • Dott. Vincenzo Prencipe – Presidente Mediterranean Logistic Network:
  • Arch. Luca Marchesani – Amministratore Solar Lab S.a.s.;
  • Ing. Pasquale De Bonis – Box-E S.r.l.

Gradiremmo pregiarci della Vs presenza quale redazione di informazione territoriale.

L’evento si terrà il giorno 05 maggio p.v. dalle ore 9.00 alle 12.30.

Certi in un Vs riscontro.

Cordialità.

San Giovanni Rotondo, 27 aprile 2023.

I Docenti Organizzatori.

Prof. Michele de Filippo michele.defilippo@posta.istruzione.it +393388632893

Prof. Donato Iannantuono donato.iannantuono@posta.istruzione.it +393298125679

Prof. Paolo Villani francescopaolo.villani1@posta.istruzione.it +393338008669

Dopo il successo della prima edizione, la comunità scolastica dell’IT “L. Di Maggio” organizza Venerdì 5 Maggio p.v., dalle ore 09.00 alle ore 12.30, un nuovo e imperdibile incontro dal titolo: “2° Meeting sulle Energie Alternative Rinnovabili e Risparmio Energetico” con focus, quest’anno, sulle Comunità Energetiche (c.d. C.E.R.). .

Parteciperanno all’evento:

  • Prof. Rocco D’Avolio – Dirigente Scolastico IT “L. Di Maggio”;
  • Dott. Gianfranco Eugenio Pazienza – Legambiente;
  • Dott. Henry Del Fabbro – Tender Manager/Project Management NORDEX Europa;
  • Dott. Vincenzo Prencipe – Presidente Mediterranean Logistic Network:
  • Arch. Luca Marchesani – Amministratore Solar Lab S.a.s.;
  • Ing. Pasquale De Bonis – Box-E S.r.l.

Cosa sono le comunità energetiche rinnovabili?

Una comunità energetica è un’associazione composta da enti pubblici locali, aziende, attività commerciali o cittadini privati, i quali scelgono di dotarsi di infrastrutture per la produzione di energia da fonti rinnovabili e l’autoconsumo attraverso un modello basato sulla condivisione. Si tratta dunque di una forma energetica collaborativa, incentrata su un sistema di scambio locale per favorire la gestione congiunta, lo sviluppo sostenibile e ridurre la dipendenza energetica dal sistema elettrico nazionale.

Le comunità energetiche vanno oltre la soddisfazione del fabbisogno energetico, infatti incentivano la nascita di nuovi modelli socioeconomici caratterizzati dalla circolarità. In una comunità energetica i soggetti sono impegnati nelle diversi fasi di produzione, consumo e scambio dell’energia, secondo i principi di responsabilità ambientale, sociale ed economica e partecipazione attiva in tutti i processi energetici.

Attraverso le ultime normative di legge l’Italia ha compiuto un passo in avanti nel campo delle comunità energetiche rinnovabili, un modello innovativo di gestione dell’energia già ampiamente diffuso in Nord Europa.

Le nuove disposizioni favoriranno soprattutto la diffusione delle energie verdi e sostenibili, per creare sistemi virtuosi di produzione, autoconsumo e condivisione dell’energia tramite le comunità energetiche rinnovabili.

Come funzionano le comunità energetiche

Il funzionamento di una comunità energetica prevede il coinvolgimento di una serie di soggetti privati e/o pubblici, i quali costituiscono un ente legale per produrre energia elettrica attraverso fonti rinnovabili come gli impianti fotovoltaici. Quest’ultimi possono essere condivisi, come nel caso di una centrale fotovoltaica o eolica a disposizione della collettività, oppure individuali, come per esempio un sistema fotovoltaico installato sul tetto di una casa, di un’azienda, di una sede di un’amministrazione pubblica o di un condominio.

In questo modo i consumatori passivi (consumer) si trasformano in consumatori attivi e produttori (prosumer), in quanto sono dotati di un proprio impianto per la generazione di energia elettrica per l’autoconsumo, cedendo la parte di energia in eccesso agli altri soggetti collegati alla smart grid. Quest’ultima è un’infrastruttura intelligente che collega tutti i soggetti della comunità energetica, la quale potrebbe comprendere anche sistemi evoluti di storage per l’accumulo dell’energia elettrica non immediatamente utilizzata.

Si può parlare di smart grid anche nel caso di comunità energetiche rinnovabili, in quanto è una struttura moderna e digitalizzata, il cui scopo è quello di ottimizzare la gestione energetica e quindi renderla più efficiente. L’infrastruttura è costituita da una rete che collega tutti i soggetti della comunità energetica, monitorata e controllata da tecnologie digitali all’avanguardia per ottimizzare ogni fase di produzione, consumo e scambio dell’energia attraverso soluzioni hardware e software innovative.

Si tratta, ad esempio, di sensori per il monitoraggio dei consumi elettrici, tecnologie cloud che funzionano come aggregatore delle comunità energetiche per favorire gli scambi tra associazioni vicine, oltre a sistemi blockchain per controllare ogni passaggio e garantire trasparenza, sicurezza e affidabilità. Ogni partecipante della comunità energetica deve inoltre installare un energy box, un dispositivo che consente di collegare l’edificio e l’impianto alla rete locale, per assicurare la condivisione in tempo reale delle informazioni su produzione, autoconsumo, cessione e prelievo dell’energia.

I vantaggi delle comunità energetiche

Le comunità energetiche riducono le disuguaglianze sociali, diminuiscono l’impatto ambientale e permettono di usufruire di condizioni energetiche economicamente competitive, inoltre garantiscono importanti benefici per le collettività locali coinvolte:

● Vantaggi ambientali: le comunità energetiche prevedono l’utilizzo delle fonti rinnovabili per la produzione di energia, incentivando la diffusione di energia verde al posto delle fonti fossili per diminuire le emissioni di gas ad effetto serra e mitigare i cambiamenti climatici.

● Vantaggi economici: gli incentivi previsti per le comunità energetiche sono cumulabili con altre agevolazioni, con la possibilità per imprese, enti locali e cittadini di ottenere un risparmio economico elevato grazie alla riduzione dei costi dell’energia.

● Vantaggi sociali: la diminuzione dei costi energetici e delle emissioni inquinanti favorisce la coesione delle comunità locali e promuove modelli di inclusione e collaborazione sociale, con una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori e il contrasto della povertà energetica.

Da altre categorie