00:00:00
15 Apr

Turismo slow nel Foggiano e in Puglia

Sempre più giovani scoprono il territorio a passo lento: vincente l’alleanza fra cammini e mezzi collettivi

FlixBus e l’Associazione Europea delle Vie Francigene rinnovano l’accordo per incentivare forme di viaggio virtuose lungo la costa e nell’entroterra

Milano/Fidenza, marzo 2023 – FlixBus e l’Associazione Europea delle Vie Francigene rinnovano la collaborazione siglata a luglio per promuovere il patrimonio locale in Puglia e in altre regioni italiane.

Grazie all’accordo, chi percorre la Via Francigena, il cammino più antico d’Europa che collega Santa Maria di Leuca a Canterbury, potrà accedere al servizio FlixBus a condizioni agevolate per raggiungere la propria tappa di partenza, spostarsi fra tappe diverse o tornare a casa alla fine del pellegrinaggio, sfruttando le intersezioni fra la rete FlixBus e la Via in varie regioni, tra cui la Puglia, anche con la bici.

Delle circa 30 tappe italiane del cammino collegate da FlixBus, ben 14 si trovano in Puglia, e 4 di queste nel Foggiano: ManfredoniaSan Giovanni RotondoSan Severo Candela. Mettendo a disposizione riduzioni per i pellegrini e le pellegrine della Via Francigena, FlixBus consentirà loro di raggiungere con facilità ognuna di queste località. Più dettagli sull’ubicazione delle fermate sono disponibili qui.

Una volta raggiunta in autobus una di queste mete, ci si potrà quindi incamminare a piedi lungo la Via, intraprendendo diversi itinerari possibili in base alla direzione e alla “variante” di cammino scelta:

  • Ad esempio, si può percorrere la Via Francigena verso Sud partendo da Manfredonia, costeggiando l’Adriatico fino a Brindisi e attraversando località come ZapponetaMargherita di SavoiaTraniBariMonopoli e Savelletri, per poi deviare leggermente nell’entroterra verso Lecce. Da qui, si può quindi proseguire fino a Santa Maria di Leuca, ultima tappa della Via, passando per Otranto.

Ovviamente, questo itinerario verso sud è percorribile anche arrivando con FlixBus a San Severo o a San Giovanni Rotondo, da cui è possibile incamminarsi alla volta di Manfredonia e del litorale.

  • In alternativa, ci si può incamminare lungo il tratto di Via Francigena che attraversa l’entroterra garganico: questo itinerario ideale, che parte sempre da Manfredonia, porta fino a Benevento e quindi fino a Roma, passando per Monte Sant’AngeloSan Giovanni Rotondo, il Santuario di Santa Maria di StignanoSan Severo e i borghi di LuceraTroia e Celle San Vito.

Anche in questo caso, è ovviamente possibile raggiungere in autobus San Severo o a San Giovanni Rotondo e ripartire direttamente a piedi alla volta dell’entroterra da una di queste località.

  • Un terzo itinerario possibile è quello che parte da Candela: una volta raggiunta la località in FlixBus, ci si può incamminare verso nord, raggiungendo Ascoli Satriano e poi Ordona, per poi proseguire verso ovest, arrivando a Castelluccio dei Sauri, o verso est, raggiungendo a Stornara e Cerignola. In alternativa, da Candela ci si può incamminare verso Matera, attraversando Melfi e il Vulture.

Così, FlixBus e l’Associazione intendono contribuire a incoraggiare la scoperta del territorio foggiano secondo una prospettiva slow, veicolando nuovi flussi turistici non solo verso le aree costiere del Gargano, già note al grande pubblico, ma anche quelle, meno conosciute, dell’entroterra, come la Daunia Meridionale.

In generale, con il rinnovo dell’accordo le due realtà mirano a incentivare forme di viaggio virtuose sulla base di obiettivi comuni: valorizzare itinerari inediti, con la possibilità di creare un indotto positivo per le economie locali, disincentivare l’uso dell’auto, a beneficio dell’ambiente; creare un ponte fra istanze diverse, esaltando la dimensione esperienziale e conviviale del viaggio.

Il rinnovo della collaborazione muove inoltre da un dato rilevante: nel 2022, l’Associazione ha registrato un aumento delle persone di età fra i 25 e i 34 anni che hanno intrapreso il cammino, arrivando da oltre 40 Paesi[1]. Questo segmento costituisce il 22% del campione esaminato, rappresentando il gruppo più numeroso. Il dato conferma l’interesse dei giovani per forme di viaggio a ridotto impatto ambientale già emerso dall’indagine Il Viaggiatore Green, finanziata da FlixBus: secondo lo studio, fra le altre cose, il 21% dei Millennials e il 23% della Generazione Z predilige l’autobus per spostarsi sul lungo raggio[2].

Inoltre, la scelta di rilanciare l’accordo in inverno riflette la volontà di contribuire a destagionalizzare il turismo, veicolando nuovi flussi sul territorio con la possibilità di un indotto anche in bassa stagione.

Il Politecnico di Milano: turismo open air in crescita in Italia

Un altro indicatore che ha spinto FlixBus e l’Associazione a consolidare la collaborazione riguarda la crescita del turismo open air in Italia, recentemente messa in luce dallo studio dall’Osservatorio Travel Innovation del Politecnico di Milano, realizzato con il supporto di Club del Sole. Fra le altre cose, la ricerca ha fatto emergere il desiderio, fra le persone, di autenticità e contatto con il territorio, mettendo in luce «un completo allineamento tra le esigenze del più ampio mercato turistico e il filone dei viaggi all’aria aperta»[3].

Tale conclusione sancisce in via definitiva l’opportunità di un’alleanza fra le diverse realtà del settore dei viaggi, nell’ottica di un suo progressivo rilancio in chiave immersiva e slow.

Come funziona la convenzione

Per poter usufruire della convenzione basta essere in possesso della credenziale della Via Francigena, il documento ufficiale che attesta, attraverso i timbri, il passaggio nelle diverse tappe del cammino. Seguendo la procedura indicata sul sito dell’Associazione, i pellegrini e le pellegrine possono ottenere, in pochi passaggi, gli sconti a loro dedicati per prenotazioni tramite l’app FlixBus gratuita.

Da altre categorie