00:00:00
15 Jul

Ulisse era un Hacker: La Cyber Security spiegata con i classici della letteratura

A cura di Francesco Marchesani

In un mondo dove gli attacchi hacker sono giorno dopo giorno più diffusi e temibili, con aziende e privati che vengono colpiti senza tregua dai cyber-criminali, cosa c’entrerà mai la Cyber Security con il mondo della letteratura?

Lo scopriremo a breve, ma partiamo dal principio.

Dietro ogni libro c’è sempre un autore che ha deciso di dare forma ai propri pensieri ed alle proprie idee. Dietro ‘Ulisse era un Hacker’ ci sono io: Francesco Marchesani.

Nel 2012 ho conseguito il diploma scientifico-tecnologico presso l’istituto magistrale Maria Immacolata di San Giovanni Rotondo; nello stesso anno mi sono trasferito a Milano per cominciare a studiare ingegneria informatica al politecnico. Dopo gli anni universitari e la laurea specialistica ho iniziato a lavorare nell’ambito della sicurezza informatica.

Devo dire che ho avuto la fortuna di poter dare il giusto credito ad una grande passione, rendendola la mia professione: fare ciò che si ama è sempre la scelta migliore nella vita. Ho lavorato per quattro anni in UniCredit, dopodiché dall’inizio del 2022 ho cominciato la mia nuova avventura professionale in Google, occupandomi sempre di tematiche afferenti alla Cyber Security.

Fatta questa breve introduzione di carattere strettamente biografico, cosa mi ha portato a scrivere ‘Ulisse era un Hacker’?

Ebbene, la nostra esistenza è scandita giorno dopo giorno da un metronomo digitale sempre più incalzante e frenetico. In questo scenario ‘fluido’, fatto di bit ed algoritmi, l’informatica è ormai parte integrante delle nostre esperienze quotidiane, perfino delle nostre stesse relazioni. Come se non bastasse, l’ecosistema digitale continua incessantemente ad evolvere ed accelerare, con tutti i rischi che ne possono derivare. Siamo così sicuri, ad esempio, che i nostri dati siano davvero protetti a dovere?

La Cyber Security è spesso percepita come una materia complessa ed oscura. L’utente medio conosce solo poche nozioni basilari, tipicamente insufficienti (o comunque approssimative) per destreggiarsi al meglio con gli strumenti telematici che vengono

adoperati ogni giorno. Ma perché non provare, per quanto possibile, a cambiare questo trend?

Personalmente, credo che la conoscenza debba essere di pubblico dominio: oggi più che mai c’è bisogno di comprendere come ruotino gli ingranaggi del web e cosa sia effettivamente la sicurezza informatica. Il tutto senza eccessivi sofismi, ma con semplicità, positività e spirito divulgativo.

Per scrivere questo libro ho adottato la tecnica del “binomio fantastico” di Gianni Rodari, accostando due mondi apparentemente dicotomici, come quello della letteratura e quello della sicurezza informatica. L’analogia è uno strumento assai potente, capace di fare luce su tematiche apparentemente poco accessibili. I grandi classici della letteratura sono colmi di possibili simmetrie con la Cyber Security, perché non provare a fare leva proprio su questo escamotage narrativo?

Il risultato di queste riflessioni è ‘Ulisse era un Hacker’, che ha l’obiettivo di raccontare ciò che orbita attorno alla sicurezza informatica, con un approccio sperimentale ed alternativo, partendo dai grandi classici della letteratura di ogni tempo. Dalle avventure di Ulisse, uomo polýtropos dall’ingegno multiforme e versatile, passando per lo stratificato ed universale inferno dantesco. Tutto ciò, senza trascurare alcuni celebri personaggi come Cyrano de Bergerac, Moby Dick ed il Pelìde Achille. Ci sono poi nel libro delle cornici narrative, come la terribile epidemia di peste del 1348, sfondo tragico che si cela dietro alle vicende del Decameron di Boccaccio, o anche la seconda guerra mondiale, con grandi protagonisti come il matematico inglese Alan Turing, capace di decifrare la macchina Enigma utilizzata della Germania di Hitler.

Nel libro vengono affrontati concetti come: vulnerabilità, minacce, attori malevoli, cyber-attacchi, IAM, data breach, rischio informatico, ingegneria sociale, crittografia, remote working, IoT, malware, ransomware, fake news, privacy, cyber-guerre e… tanto altro ancora!

In definitiva, eroi ed antieroi della letteratura avranno lo stoico destino di aiutarci a comprendere, con dei fini parallelismi, le minacce del digitale, dandoci lo spunto per raccontare il variegato ed affascinante universo della sicurezza informatica.

Il libro è disponibile su Amazon in formato cartaceo e digitale al seguente link:

Da altre categorie