00:00:00
07 Aug

È morto don Domenico Labbellarte, figlio spirituale di Padre Pio, fondatore di quattro Istituti di vita Secolare e di consacrazione Religiosa

12 Novembre 2021
1230 Views

Don Domenico Labellarte è stato un sacerdote follemente innamorato di Cristo incontrato nella figura di S. Pio da Pietrelcina.

Ha deciso di vivere alla sua ombra sul nostro Gargano, a S. Giovanni Rotondo, dove ha svolto gran parte del suo ministero sacerdotale: ha camminato con gli ultimi e gli indifesi e coniugato alla perfezione sobrietà di vita e predicazione, per annunciare al mondo la “buona notizia” attraverso la vita rinnovata e trasformata.

Sull’esempio di tanti testimoni di Gesù, tra tutti gli insuperabili modelli Francesco d’Assisi e P. Pio, ha fatto nascere ben quattro Istituti di vita Secolare e di consacrazione Religiosa: attraverso di lui hanno preso origine, ma sono opera dello Spirito Santo, perché nessun Fondatore è padrone del carisma ricevuto. Non si tradiscono i Fondatori solo se si capiscono e seguono sapendo che l’Opera da loro iniziata è dello Spirito ed apertura continua allo Spirito: è questa apertura e disponibilità creativa permette al carisma di durare nel tempo e varcare i confini delle culture. 

Don Domenico è stato uomo e prete del popolo di Dio, quel popolo santo che incrociava nelle strade e nei vicoli di Valenzano e di S. Giovanni Rotondo: ad ogni persona si rivolgeva con rispetto e fiducia regalando il balsamo inconfondibile del sorriso di Dio. Amava come pochi la terra garganica e i suoi giovani che ha formato e seguito nella crescita umana e cristiana con l’esempio di vita. 

Mi permetto di segnalare che sono tre le caratteristiche di don Domenico Labellarte che colpivano chi aveva occasione di entrare in contatto con lui: la saggezza, la cultura e l’accoglienza. Queste, insieme ai suoi tre cibi – preghiera, lavoro pastorale, fraternità caritativa – hanno abbeverato di misericordia e di missione tanti uomini e donne assetati di Cristo con una vita costruita e vissuta per il bene della Chiesa e dell’umanità. 

Oggi, alla nostra tristezza, che c’è e pare non voglia andarsene, rispondi caro don Domenico, con il solito tono pacato di chi la sa lunga, che proprio adesso è l’ora di librarci in volo, con un’ala di riserva. So che il tuo sorriso e la tua benedizione ci sono vicini: cercheremo di onorarli ogni giorno che passa lungo le strade in cui il Vangelo ci manda. 

Sappiamo con certezza che Cristo è la Resurrezione e la Vita e che la nostra vita è unita indissolubilmente a Lui. Cristo risorto è principio e sorgente della nostra risurrezione futura: «Cristo è risuscitato dai morti, primizia di coloro che sono morti […]; e come tutti muoiono in Adamo, così tutti riceveranno la vita in Cristo» (1 Cor 15,20-22). Nell’attesa di questo compimento, Cristo risuscitato vive nel cuore dei suoi fedeli e in Lui i cristiani gustano «le meraviglie del mondo futuro » (Eb 6,5) e la loro vita è trasportata da Cristo nel seno del Padre: «Egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro » (2 Cor 5,15 e cf. Catechismo Chiesa Cattolica n. 655). 

Allora, pur nella tristezza, che c’è e pare non voglia andarsene, volgiamo sicuri lo sguardo al Risorto, unica nostra speranza. 

+ p. Franco Moscone crs arcivescovo

Manfredonia, 11 novembre 2021 

Fonte https://www.teleradiopadrepio.it/

Da altre categorie