00:00:00
27 Feb

Alla Dott.ssa ANGELA ANTONACCI, per la sua profonda sensibilità umana che quotidianamente sta profondendo, senza mai risparmiarsi.

redazione
20 Febbraio 2021
5149 Views

Lettera aperta

 

  • per la Dirigente Dott. ssa Angela Antonacci presso l’ASL di San Giovanni Rotondo (FG).

Mi preme esprimerLe, esimia Dott.ssa A. ANTONACCI, tutta la mia riconoscenza per la profonda sensibilità umana, l’alto senso del servizio, che quotidianamente sta profondendo, senza mai risparmiarsi, senza soluzione di continuità. Addirittura anteponendo, persino, il benessere dei cittadini a quello personale. Se mi permette, La vorrei associare ad una figura di medico che porto nel mio cuore, una figura di medico, che tanti anziani ricorderanno con grande affetto: si tratta di un medico condotto, che stranamente e inspiegabilmente la nostra cittadina ha ignorato e si è sempre mostrata insensibile e incurante, per non avere giammai fatto nulla formalmente per portare alla memoria, questo nostro concittadino benemerito, in ragione del nobile servizio svolto indefessamente con abnegazione, solerzia e profonda sensibilità umana e professionale: Dott TOMMASO MORCALDI.

Ebbene, perché volutamente ho citato questo emerito cittadino? Al pari del nostro concittadino  che ha scritto con la sua semplicità e la sua disponibilità verso chiunque, per mio modesto parere, una splendida pagina della storia locale, anche Lei sta ripercorrendo le sue stesse orme silenziosamente e indefessamente. Ebbene, non me vorrà se ho osato associarLa a questo illustre medico, pur consapevole che Lei si trova ad attraversare un periodo storico, socio-culturale diverso, complesso, con una inaspettata pandemia, che attanaglia e sconvolge tutto il pianeta. Devo ritenere che il Suo impegno è così intenso, così difficile e non può essere sottaciuto, per l’improbo fardello a cui Lei è sottoposta.  Così che non posso non tributarLe la più grande ammirazione, tanto più che lei sta operando oltre le proprie energie, che sono davvero encomiabili. Io, pertanto, mi devo inchinare per manifestarLe l’immensa stima, gratitudine e il vivo ringraziamento per aver seguito costantemente il caso nostro, monitorando in remoto tutto il decorso di questo subdolo virus che ha sconvolto tutta la mia famiglia.

Che Dio possa darle sempre la forza e far scendere su di lei tutte le benedizioni con la guida del nostro amatissimo PADRE PIO.

A nome mio personale e quello di tutta la mia famiglia, rinnoviamo l’espressione dei sentimenti più nobili.

Prof Antonio Fr.sco Gorgoglione

San Giovanni Rotondo, 19 febbraio 2021

Seguici sui nostri social

Da altre categorie