00:00:00
24 Jan

La Luce di Betlemme, a Casa Sollievo della Sofferenza, consegnata dalli scout di San Giovanni Rotondo

redazione
13 Dicembre 2020
1862 Views

Nella Chiesa della Natività a Betlemme vi è una lampada ad olio che arde perennemente da moltissimi secoli, alimentata dall’olio donato a turno da tutte le Nazioni cristiane della Terra.

A Dicembre ogni anno da quella fiamma ne vengono accese altre e vengono diffuse su tutto il pianeta come simbolo di pace e fratellanza fra i popoli. Da Linz, con la collaborazione degli Scout austriaci e delle Ferrovie, dal 1986 la Luce è distribuita in tutto il territorio austriaco, dal 1996 anche in Italia.

La pace deve essere uno stile di vita e richiede impegno e tenacia. La “Luce di Betlemme” offre l’occasione per essere costruttori di pace. La Pace non discende dagli uomini ma da Dio, e nessuno deve arrogarsi il diritto di gestire ciò che Dio ha dato. La Pace è patrimonio di tutti e la Luce deve andare a tutti. La Luce della Pace non ha solo un significato religioso, ma traduce in sé molti valori civili, etici, morali accettati anche da chi non condivide una fede.

La Pandemia ha cambiato la nostra quotidianità. Quest’anno, l’impegno di tutti gli scouts della zona Daunia( Foggia 1, Foggia 5, Foggia 10, Manfredonia1, Monte Sant’Angelo1, San Giovanni Rotondo 1, San Marco in Lamis 1 e Vieste 1) é quello di far arrivare la Luce della Pace ai malati covid e a tutti gli operatori sanitari che costituiscono la “prima linea” nella guerra contro il virus.

Per questo motivo stasera 13 dicembre alle ore 17.30 una rappresentanza formata dai Responsabili di Zona, da alcuni capi e ragazzi( due lupetti, un esploratore, una guida, un rover e una scolta) del gruppo scout San Giovanni Rotondo 1 e alcuni adulti del gruppo MASCI San Giovanni Rotondo, ha consegnato la Luce a Padre Timoteo, cappellano della Chiesa dell’ospedale di Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo.

La consegna é stata presieduta da S.E. Monsignor Moscone e con la presenza di Don Giocanni d’Arienzo, parroco della Chiesa Madre San Leonardo Abate e assistente ecclesiastico del gruppo scout, che ha collaborato attivamente alla realizzazione dell’evento. É stato un momento di forte emozione per tutti i presenti.

Seguici sui nostri social

Da altre categorie