00:00:00
10 Aug

Il sangiovannese Filippo Granatiero, giovanissimo cantautore, ci spiega come nasce il suo nome d’arte, 21 Graffi

“Ho iniziato a scrivere le mie prime canzoni a 21 anni, partendo dai graffi che il passato aveva lasciato su di me”. Così Filippo Granatiero, giovanissimo cantautore e chitarrista pugliese, spiega come nasce il suo originale nome d’arte, 21 Graffi, con cui sta per pubblicare il suo secondo singolo.

È in uscita, infatti, su tutte le piattaforme digitali, il 5 agosto, “Vieni via con me”, un testo scritto durante il lockdown, periodo che di certo qualche graffio lo avrà lasciato su Filippo, come su tutti.

Metafora di momenti bui a cui lui è stato per molto tempo abituato e dai quali è riuscito ad uscire solo grazie alla forza della musica.

​”Prima dei 21 anni – racconta il cantautore – vivevo contro le mie emozioni, in un modo scorretto verso me stesso poiché non sentivo di essere la persona che avrei voluto. C’erano determinati fattori familiari che mi hanno portato a fare scelte che non volevo. Ho studiato all’Università di Foggia, nella facoltà di Giurisprudenza, ma non ero felice”.

Poi è arrivata la svolta e il numero ventuno ha segnato un grande cambiamento nella vita di Granatiero, noto ormai come 21 Graffi nel panorama musicale pugliese.

​Ed è stato proprio l’approccio al mondo della musica che gli ha permesso di sentirsi realizzato con la pubblicazione del primo singolo “Ci riuscirai” e, nei prossimi giorni, della sua seconda canzone.

21 Graffi è così riuscito ad abbandonare quel mondo oscuro fatto di paure, che non gli permettevano di vivere al meglio la sua età.

Ora il giovane Filippo ha voglia di tornare a sorridere e di condividere questa gioia con una persona, una ragazza che vorrebbe portare via con sé.

Questo, quello che canta nel singolo in uscita il prossimo 5 agosto, un brano in cui il testo emozionale si fonde alle note di una hit estiva.​

L’estate e il mare sono, dunque, sullo sfondo di una melodia che segna il passaggio artistico di 21 Graffi da brani acustici suonati alla chitarra ad un genere musicale più pop.

La malinconia lascia finalmente il posto alla grinta, alla voglia di riscatto e all’entusiasmo di una nuova vita in “Vieni via con me”.

​Il testo e la melodia di questo singolo sono stati composti da Filippo durante la quarantena, momento molto produttivo per un cantautore perchè, come lui stesso ha rivelato, “sono stati mesi difficili e quando perdi il controllo delle tue emozioni hai bisogno di esternare tutto quello che hai dentro su un foglio”.

Fonte sulpezzo.info

Seguici sui nostri social

Da altre categorie