00:00:00
15 Apr

Gargano negli occhi reading in Foresta Umbra

Sabato 4 gennaio Elda Hotel vi accoglierà per il reading “Gargano negli occhi”, un viaggio narrato che vi farà entrare in connessione con gli altri, emozionando attraverso parole, immagini, sapori o suoni…
Un racconto che parla di tutti noi e aiuta chi ascolta e guarda a sentirsi parte della storia, a riconoscere la splendida terra del Gargano, “l’isola flottante verde e viola in mezzo a una terra brada”, come la definisce la scrittrice Lucia Tancredi.

—–

Il libro
È lo spaesamento di 19 racconti di viaggio dedicati ad una terra d’eccezione, il Gargano, «l’isola flottante verde e viola in mezzo ad una terra brada». L’isola-montagna del Gargano è la memoria viva di luoghi e personaggi, misteri e realtà evocati attraverso una narrazione in cui il viaggio, più che circoscrivere un percorso, intercetta le misteriose geometrie del destino. “Chi fa ritorno riconosce l’amoroso ricalco delle creste, dal picco bitorzoluto di Castelpagano al Monte della Donna, che apre la via con un fianco più morbido di velluto. È qui che dovrebbe partire il viaggiatore, deviato dal cartello turistico Gargano al casello Poggio Imperiale, percorrendo la piana con la smania di chi veleggia per le isole che sono tutte, di mare o di terra, ombelico e ricapitolazione del mondo, luoghi rotondi dove si vive una svagata libertà dentro una legge non scritta. Tutto il mondo è oltre. Lucia Tancredi si fa guida dei luoghi garganici, luoghi della storia, della memoria e della vita – a partire da San Marco in Lamis, che le ha dato i natali, e poi altri diciotto fra i quali San Giovanni Rotondo, Monte Sant’Angelo, Lesina, Vieste, la Foresta Umbra – mescolando storia, memoria e attualità in una narrazione viva e immaginosa, sempre amorevole, non di rado affettuosamente ironica, con lo sguardo e la cura carezzevole di chi di quei luoghi conosce l’anima più profonda e vuole raccontarla ai suoi lettori. Le intense e vivide descrizioni ricreano nella mente del lettore, meglio di quanto farebbe una qualunque foto, quei luoghi che, come tutti i luoghi intessuti di storia, di vita, di miti e leggende, di cui il Sud italiano è così generoso, prima che luoghi fisici sono luoghi dell’anima.

La scrittrice
Lucia Tancredi, docente di letteratura italiana, diplomata in pianoforte, ha fondato e diretto ev mensile di scrittura ricreativa. Nata a San Marco in Lamis (1963), dal Gargano si è trasferita a Macerata dove vive e lavora. Ama il filone biografico della ricerca, definendolo “un cercare se stessi confrontandosi con un altro”. Ha pubblicato Racconti di viaggio. Le città d’arte della marca maceratese (Quodlibet 2003), Io, Monica. Le confessioni della madre di Agostino (Città Nuova 2006), Ildegarda (Città Nuova 2009), Côté Bach (ev casa editrice 2009), La vita privata di Giulia Schucht (ev casa editrice 2012, 2° ed. 2013), con il quale ha vinto il Premio Letterario Internazionale di Verona Scrivere per Amore. Ha inoltre pubblicato L’otto (ev casa editrice 2016) e Lo Sferisterio a Macerata e l’avventura dei Cento Consorti (ev casa editrice 2019). Dal 2017 cura e dirige a Macerata insieme a Loredana Lipperini I Giorni della Merla. Piccolo Festival d’Inverno in collaborazione con il festival letterario Macerata Racconta.

Da altre categorie