00:00:00
14 Apr

La storia della stauroteca dalla Chiesa di San Leonardo a San Giovanni Rotondo

La stauroteca dalla Chiesa di San Leonardo a San Giovanni Rotondo.

Lo studioso fiorentino aveva acquistato la stauroteca in argento dorato cesellato e cristalli di rocca – apparteneva alla chiesa di San Leonardo – nel 1977.

L’opera reca l’iscrizione ‘Lionardo arciprete’ I militari del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Firenze, hanno recuperato una stauroteca in argento dorato cesellato e cristalli di rocca, di epoca compresa tra il XII ed il XIII secolo, dispersa negli anni Settanta dalla Chiesa di San Leonardo a San Giovanni Rotondo.

L’opera, d’inestimabile valore, era in possesso di uno studioso che, accertata la reale provenienza, la consegnava spontaneamente.

Pregevole esemplare di suppellettile ecclesiastica prodotta da artigiani occidentali di rilevante testimonianza storica e artistica, è un reliquario che contiene frammenti della Croce di Cristo.

L’opera, che reca l’iscrizione “Lionardo arciprete”, è stata consegnata ai militari dal possessore, studioso d’arte fiorentino il quale, nel consultare un volume sui reliquari pugliesi, ha notato un bene del tutto identico a quello in suo possesso, acquistato in Firenze nel 1977.

Tra le note della pubblicazione, il reliquario veniva indicato come smarrito negli anni ’70 dalla Chiesa “San Leonardo” di San Giovanni Rotondo.

Gli accertamenti eseguiti dai militari del Reparto specializzato dell’Arma del capoluogo toscano, attraverso la consultazione della Banca Dati delle opere d’arte illecitamente sottratte, confermavano la provenienza, ma il riconoscimento definitivo dell’opera d’arte è stato eseguito da Monsignor Domenico Umberto D’Ambrosio, negli anni ’70 parroco della chiesa di San Leonardo.

Ora l’opera è esposta nella Chiesa di San Leonardo a San Giovanni Rotondo.

 

 

Da altre categorie