00:00:00
03 Jul

Ritorna il derby D’Apulia! Bari e Foggia difronte dopo 19 anni. “Circa 30.000 spettatori presenti, di cui 1300 di fede rossonera”

I derby si sa, sono partite che hanno una storia particolare, nulla è scontato, tutto è in bilico perché dietro a “tre” miseri punti, si nascondono sfaccettature che raccolgono le tensioni, le emozioni, gli aneddoti che caratterizzano la lunghissima settimana d’attesa che precede le ostilità tra le due fazioni.
Sicuramente Bari e Foggia arrivano in maniera molto diversa a questo caldissimo match: il Bari da una parte, con una vittoria potrebbe impossessarsi del primato in classifica solitario vista la sconfitta del Parma contro il Carpi per 2 a 1, mentre il Foggia cerca punti fondamentali in chiave salvezza visti I risultati delle antagoniste che in questa giornata hanno faticato parecchio.
La cornice di pubblico è una che in questa categoria non si vedeva da una vita, visti I 30.000 spettatori che infuocheranno il “San Nicola” con 1300 cuori rossoneri che dopo il divieto di trasferta imposto dall’Osservatorio, hanno ottenuto il “via libera” per prendere parte, dal vivo, all’incontro.

QUI FOGGIA L’impegno sulla carta appare proibitivo, ma I circa mille tifosi giunti allo “Zaccheria” nella mattinata di ieri prima della rifinitura, credono eccome in una vittoria esterna dei propri beniamini. Oggettivamente però il Foggia arrivera ai cospetti di una squadra che in casa ha un ruolino di marcia inarrestabile e conta tra le proprie fila giocatori di indubbia qualità come Galano, Improta e Brienza, permettendosi il lusso di far accomodare in panchina un certo Floro Flores. Come se non bastasse, l’infermeria della squadra di Stroppa brulica di uomini importanti tra cui Fabio Mazzeo che ritornerà in campo l’anno prossimo, l’esterno Francesco Nicastro, il terzino Matteo Rubin e I due portieri Ivan Pelizzoli ed Enrico Guarna che hanno costretto la società a richiamare in rosa il portiere spagnolo Sanchez che fino a questo momento non era nemmeno mai stato convocato da Stroppa e dal suo staff. Fortunatamente però l’allenatore ha recuperato il terzino Alessandro Celli, capitan Agnelli a centrocampo e l’esterno offensivo Roberto Floriano escluso durante la rifinitura da un ipotetico undici titolare tra cui non figura neanche Cosimo Chiricò. Alla luce di quanto colto durante l’ultimo allenamento, l’undici di partenza dovrebbe essere così composto: Sanchez in porta; difesa a 4 composta da destra verso sinistra con Loiacono, Camporese, Coletti e Celli, mentre sulla linea a tre di centrocampo agiranno Vacca, Gerbo e Agnelli che ritrova dopo tanto una maglia da titolare. In attacco, inedito tridente con Beretta centrale, Fedato e Calderini sugli esterni.

QUI BARI Il Bari finalmente, dopo tante stagioni deludenti, si ritrova nei quartieri alti della classifica, con ben 26 punti di cui gli ultimi 3 ottenuti con il primo successo esterno sul campo del Novara nel turno precedente. In casa, la formazione di Grosso ha ottenuto finora 7 vittorie e 1 sola sconfitta, nessuna formazione finora ha fatto meglio dei biancorossi tra le mura amiche. L’allenatore Fabio Grosso ha quasi tutti gli uomini a disposizione eccezion fatta per Busellato appiedato dal giudice sportivo. A livello di formazione il mister sembra aver trovato una giusta quadratura e molto probabilmente gli undici uomini che scenderanno in campo saranno identici a quelli che hanno espugnato Novara.
Questa la formazione: Micai tra I pali; difesa a 4 composta dai terzini Anderson e Fiammozzi, con la coppia centrale formata da Tonucci e Gyomber. Sulla mediana invece agirà Basha accompagnato da Tello e Petriccione in supporto del tridente esplosivo composto da Improta, Cissè e Galano.

Le ultime volte che le due squadre si sono incontrate al “San Nicola” sia in Campionato che in Coppa Italia il Foggia si è imposto per entrambe le volte con il risultato di 2 a 1, quello più recente due anni fa in Coppa griffato Floriano e Gigliotti nell’era De Zerbi.
Ovviamente anche questa volta I tifosi rossoneri auspicano, magari, lo stesso risultato, mentre la Puglia intera spera in una giornata di festa per lo sport e per il calcio pugliese in generale, nettamente in rilancio negli ultimi anni.
Che vinca il migliore.

Domenico Perna/Claudio Mischitelli

Seguici sui nostri social

Da altre categorie