00:00:00
05 Jul

Madonna a Muntecalve

Cchiù sotta la cima
de Muntecalve,
alla sulagna,
jè cumparsa na mana de gegante
aparta a jummadda.
Pare na ‘mprèsa na vadda
appèsa a summudagghia.
Inte la chianta della mana sbuccia
nu vèrde fute e li dètera
so’ chelonne de roccia.
‘Mponta a nu dite sta tèsa
la Madonna ‘Mmaculata
ghianca cu na cinta azzurra
e squaccia nu serpante
che c’èva appadrunate
dellu ‘ntère tenemènte.
Dall’alba all’alba
uarda attume la via
che fanne li devote
di Sante Patre Pie
a San Mecale Arcangiule.
L’à’ accumpagnata matina matina
na frotta d’ àngiule
ballanne na fantasia
che aiènchie la muntagna
de frenesia santa.


Giovanni Scarale

Madonna a Montecalvo
Più sotto la cima
di Montecalvo,
a solatio,
è comparsa una mano di gigante
aperta a giumella.
Pare una macchia una valle
appesa come medaglia.
In pianta di mano si apre
un verde folto e le dita
sono colonne di roccia.
Sulla punta di un dito sta tesa
la Madonna Immacolata
bianca con fascia azzurra
e schiaccia un serpente
che si era impadronito
dell’ intero tenimento,
Dall’alba all’alba
guarda intorno la via
che fanno i devoti
di San Padre Pio
e San Michele Arcangelo.
L’hanno portata di mattina presto
una frotta d’ angeli
ballando una fantasia
che riempie la montagna
di frenesia santa.
Giovanni Scarale

Da altre categorie