00:00:00
22 Sep

“JE’ NATALE “ poesia in vernacolo di Salvatore Viscio

JE’ NATALE

Je’ Natale… je’ Natale,
tutte va bbone,
tutte va male.
Lu pajèse annegghjarate
addora de pezzefritte
e doce nzuccarate.
La “Basulata” sta
tutta ndaffarata,
negozie e vetrine
so’ tutte luce e lampadine.
Li cresteiane vanne
che lu core mmane
e pare come se ce
vulessene cchjù bbane.
Je’ Natale… je’ Natale,
chia sta bbonne,
chia sta male.
Chia “spende e spande”
e chia nen tane nante.
Chia scialacqua e chia
vacante tane la vocca.
Nnanze la chiesa,
sta sampe qualchedune
che la mana tesa.
Certe vote è gghjanche
certe vote è nire, e
“lotta solo per non morire.”

(Salvatore Viscio)

Legenda.
1) annegghjarate: leggermente
nebbioso
2) Basulata: Corso principale
3) cresteiane: persone in genere
4) vulessene: volessero
5) chia: chi
6) tane: tiene
7) gghjanche: bianco.

Seguici sui nostri social

Da altre categorie