00:00:00
21 Aug

Quanne jève meninne e puveredde
iabbatave alla chiazza de Frantèdde,
vècine allu scarpare
Iangiuline “lu muntanare”.
Viè e viaredde
ci aiusava la cutradda
pe i allu muline
a pegghjà la farina.
Ce trumbava, ce resenava e
lu furnare che tuzzelava.
Pizze e sckanate de pane
duravene cchiù de na settemana.
Musica e rumore
stavene sampe a tutte l’ore.
Chi cantava, chi gridava
e chia lu vanne jèttava.
Li uagliule prima
jucavene e po ce fraccavene
Cummare Maria, commare Rosa…
sope li ballicune ce stavene li rose.
Mo stanne tutte chiuse.
li juse e pure li suse
e sope lu mugnale
nen ci assitta cchiù zi’ Micale.
Passa na jatta
citta e sanza vuluntà
e ne’ la sinte manche sckamà.
Forse chjagne lu padrone
che je’ morte
inte lu pertone.
Mentre camine
Chjane… chjane
sente voce da luntane,
m’avvecine a mane a mane
ma so’ tutte voce ‘merecane.
M’acchjaffa la nustalgia e
accumenze a penzà
quanta vurria…

Salvatore Viscio

Legenda

iève: ero
meninne: piccolo
scarpare: calzolaio
cutradda: sacco per la farina
trumbava: impastava
resenava: impastava di nuovo,
tuzzelava: bussava
lu vanne jettava: portava il bando,
sckanate: pagnotte di pane
jucavene: giocavano
fraccavene: picchiavano
ballecune: balconi
juse: locale a pianterreno
suse: piano superiore
mugnale: pianerottolo
jatta: gatta
citta: silenziosa
sckamà: miagolare
inte: dentro
pertone: portico antico

Seguici sui nostri social

Da altre categorie