00:00:00
18 Jul

Natale ’90 di Giovanni Scarale

Invano ho cercato il muschio a bacio

dei macigni che mostrano le chiazze

rugose dilatate nello spasimo

di un ritorno negato. Chi mi dà

lo smeraldo d’autore , lo splendore

cangiante del muschio che simulava

praterie distese nel presepe ?

L’aria non porta più linfa alla terra ,

l’aria striata striata di lana di vetro ;

talvolta nubi inutilmente gonfie

accorrono in conciliaboli vasti

che minorano la luce del sole,

e le piante si chiudono in torpore

precoce e restano i semi che vogliono

riperpetuare il gioco dell’esistere .

Forse cosi fu quella notte insonne

rallegrata dagli angeli corrieri

ed il risveglio delle moltitudini

e quel principio smarrito in millenni

di cammino fece la meraviglia

del rigoglioso volgere del tempo .

Ora è silenzio e freddo nella landa,

e l’uomo si è fermato nel barbaglio

del commercio di doni che non danno

pace, e io cerco nel segno lo smeraldo

d’autunno per il presepe dell’anima

 

Giovanni Scarale

Seguici sui nostri social

Da altre categorie