00:00:00
22 Sep

Il Santuario di San Matteo di San Marco in Lamis diventa un’App per smartphone

10 settembre 2018
1933 Views

 

“San Matteo – Viaggio nel tempo di un santuario” è un’app che raccoglie importanti risultati di anni di studio e ricerca sul santuario di San Matteo a San Marco in Lamis.

L’iniziativa è nata nell’ambito del Progetto FIRB (Fondi Italiani per la Ricerca di Base) – Futuro in ricerca 2010, “Spazi sacri e percorsi identitari. Testi di fondazione, iconografia, culto e tradizioni nei santuari cristiani italiani fra Tarda antichità e Medioevo”, coordinato a livello nazionale dall’Università degli Studi di Bari Aldo Moro (responsabile scientifico Laura Carnevale), con il coinvolgimento di altre Unità di Ricerca, quali: Università “Kore” di Enna (responsabile scientifico Daniela Patti); Università di Padova (responsabile scientifico Chiara Cremonesi); Sapienza Università di Roma (responsabile scientifico Tessa Canella). Il Progetto FIRB, di durata quinquennale, è nato con l’obiettivo di approfondire la ricerca sui santuari, che in Italia vanta una storia autorevole di oltre cinquant’anni, indagando il fenomeno santuariale nella sua variegata articolazione “culturale” oltre che strettamente “cultuale”.

La realizzazione di quest’app si inserisce nelle numerose e concrete attività proposte dal team di progetto finalizzate alla promozione, salvaguardia, recupero e rilancio di alcuni santuari cristiani d’Italia.

L’app “San Matteo. Viaggio nel tempo di un santuario” è stata ideata e progettata seguendo il modello di sviluppo di una swipe story, una metodologia che consente di generare forme di comunicazione accattivanti e interattive dal grande impatto emotivo e sensoriale, basate sull’impiego di tecnologie poco complesse e poco costose. Una swipe story è un racconto digitale che, con un linguaggio semplice ed immediato (basato su disegni, immagini, parole, giochi, suoni e filmati) è in grado di stimolare i processi cognitivi ed emozionali dell’utente agevolando la comprensione di concetti complessi in modo chiaro e diretto. Il team di Swipe Story (composto da storytellers, esperti di dominio, creativi digitali e professionisti nel settore ICT) ha ri-elaborato e semplificato le fonti disponibili utilizzando la tecnica del digital storytelling con l’obiettivo di divulgare i risultati scientifici e offrire esperienze di fruizione personalizzate e interattive, potenziate dall’uso delle tecnologie.

“San Matteo. Viaggio nel tempo di un santuario” coniuga narrazione e approfondimenti per un percorso didattico attraverso le epoche e la storia del Santuario di San Matteo a San Marco in Lamis.

Un bambino, con i suoi nonni in visita al santuario, si ritroverà improvvisamente ad essere protagonista di una passeggiata fantastica nel corso dei secoli. In questo viaggio il bambino sarà accompagnato da padre Marco, un francescano che gli farà da guida e gli racconterà la storia e le trasformazioni del santuario, presentandogli personaggi storici, portandolo in giro nel convento abitato dai monaci, visitando le piccole celle, il refettorio, la pannifica officina, e appassionandolo con il racconto di vicende storiche e curiosi aneddoti.

Ogni scena dell’applicazione presenta contenuti veicolati in forma semplificata: il racconto è articolato in fumetti accompagnati da audio e suoni e i punti di interesse si presentano sulla scena sotto forma di icone interattive diversificate in base al contenuto (approfondimento, curiosità, videoclip e gioco).

I contenuti interattivi e la possibilità di personalizzare il processo di fruizione rendono la app adatta per un pubblico vasto, che comprende la comunità locale, i visitatori occasionali e i bambini. Grazie all’uso delle tecnologie e alla pubblicazione della app negli store online, è possibile garantire all’intera comunità l’accesso pubblico e gratuito ai risultati degli studi sul santuario di San Matteo con l’obiettivo di diffondere la conoscenza di questo luogo, rafforzare la consapevolezza di questo patrimonio culturale e suscitare l’interesse per un viaggio più ampio e un cammino più lungo, che percorra l’intero promontorio del Gargano, con i suoi santuari, i culti, i centri storici, le tradizioni.

fonte: swype story team

Possono interressarti

Stasera la grande veglia di preghiera in onore di Padre Pio
Cultura e Spettacolo
363 views
Cultura e Spettacolo
363 views

Stasera la grande veglia di preghiera in onore di Padre Pio

redazione - 22 settembre 2018

Tutto pronto a San Giovanni Rotondo per la veglia di preghiera in ricordo del Beato Transito di Padre Pio da Pietrelcina, avvenuto nella notte tra il 22…

Emesso un francobollo per i cinquant’anni della morte di Padre Pio
Cultura e Spettacolo
801 views
Cultura e Spettacolo
801 views

Emesso un francobollo per i cinquant’anni della morte di Padre Pio

redazione - 21 settembre 2018

Il cinquantenario della morte di San Pio da Pietrelcina è stato ricordato con l'emissione di un francobollo italiano, valido per la posta ordinaria interna (indicata con la…

“L’olmo” la terza poesia della rubrica “I canti settembrini” di Giovanni Scarale
Cultura e Spettacolo
232 views
Cultura e Spettacolo
232 views

“L’olmo” la terza poesia della rubrica “I canti settembrini” di Giovanni Scarale

redazione - 20 settembre 2018

Per il 50° Anniversario della morte di Padre Pio 23 settembre 1968 – 23 settembre 2018,  sangiovannirotondofree vuole condividere con tutti i lettori del portale una raccolta…

Da altre categorie