00:00:00
22 Sep

La sangiovannese Carmela Vergura al Tor des Geants (Giro dei giganti in patois valdostano) è la gara trail più estrema al mondo

9 settembre 2018
3621 Views

di Leonardo Ricucci

Partenza della Nona edizione del “Tor des Geants” edizione 2018, un’edizione dai numeri pazzeschi con più di 800 partecipanti provenienti da tutte le parti del mondo.

Domenica 9 settembre 2018, ore 12 partenza da Courmayeur – Piazza dedicata all’Abbè Joseph-Marie Henry. Personaggio storico ed esempio di clero valdostano interessato all’Alpinismo, tanto che nel 1893 ha celebrato una messa in vetta al Monte Bianco. È proprio da questa piazza, con la statua dell’Abbate Herry, prenderà il via “Tor Des Geants”.

Tutti uniti e pronti a partire per questo lungo viaggio, fra di loro anche la Sangiovannesse Carmela Vergura, 55 anni, alla sua terza edizione. Si rimette in gioco per la gara più estrema al mondo, armata di tutto il necessario per affrontare per la terza volta nella sua vita, l’ultima sua presenza risale al 2012, i 330 km delle Alte Vie della Valle D’Aosta, diventate, in questi ultimi anni, famose per altimetria e per distanza in tutto il mondo.

La storia delle Alte Vie della Valle D’Aosta ha inizio solo negli anni ottanta. Da l’idea di costruire una rete di sentieri che passassero di valle in valle, unendo idealmente un passo alto con un passo alto. Unendo tratti di sentieri già esistenti con altri costruiti completamente nuovi e che fanno nascere le due alte vie.

L’Alta via numero 1, poi chiamata l’Alta via dei Giganti, passa sopra il lato “ADRET” della valle, quello più “solatio” sotto il Rosa, il Cervino, il Bianco. Esattamente da Gressoney a Courmayeur. E l’Alta Via numero 2 o Alta Via Naturalistica che passa sopra il versante “ENVERS”. Un anello di due vie che viene interrotto solo dalla strada di fondovalle all’altezza di Donnas. Un cerchio di quasi 330 km su 25000 metri di dislivello positivo, superando 25 colli al di sopra dei duemila metri, 32 comuni interessati, il passaggio a fianco di 30 laghi di montagna.

“Un vero viaggio, che per i semplici escursionisti impegna circa 4 settimane di tempo”.

Per coloro che sono semplici escursionisti, ma per noi che abbiamo solo 150 ore a disposizione, il tempo diventa amico – nemico.

In questi anni “Tor des Geants” è diventato una prova importante, per li aspiranti ultra trail. Chi pratica questo tipo di sport nella vita sogna di fare 2 gare: il Tor des Geants e UTMB .

Il segreto per portare a termine il tutto sta nel dormire poco, perchè il tutto si svolge in 150 ore, quindi sta tutto nella testa e nelle gambe se non va uno deve andare l’altro.

Il sogno di Carmela è quello di portare al termine il Tor des Geants con il tifo e il sostegno di tutti i parenti e amici , ma sopratutto con la follia che la contraddistingue da sempre .

Possono interressarti

Stasera la grande veglia di preghiera in onore di Padre Pio
Cultura e Spettacolo
294 views
Cultura e Spettacolo
294 views

Stasera la grande veglia di preghiera in onore di Padre Pio

redazione - 22 settembre 2018

Tutto pronto a San Giovanni Rotondo per la veglia di preghiera in ricordo del Beato Transito di Padre Pio da Pietrelcina, avvenuto nella notte tra il 22…

Emesso un francobollo per i cinquant’anni della morte di Padre Pio
Cultura e Spettacolo
795 views
Cultura e Spettacolo
795 views

Emesso un francobollo per i cinquant’anni della morte di Padre Pio

redazione - 21 settembre 2018

Il cinquantenario della morte di San Pio da Pietrelcina è stato ricordato con l'emissione di un francobollo italiano, valido per la posta ordinaria interna (indicata con la…

“L’olmo” la terza poesia della rubrica “I canti settembrini” di Giovanni Scarale
Cultura e Spettacolo
232 views
Cultura e Spettacolo
232 views

“L’olmo” la terza poesia della rubrica “I canti settembrini” di Giovanni Scarale

redazione - 20 settembre 2018

Per il 50° Anniversario della morte di Padre Pio 23 settembre 1968 – 23 settembre 2018,  sangiovannirotondofree vuole condividere con tutti i lettori del portale una raccolta…

Da altre categorie