00:00:00
16 Jul

Gabrielino: il gelato del Gargano tra i migliori del Paese

Questa è una storia che comincia nel 1933, in un’Italia del dopoguerra provata ma orgogliosa. La storia di una famiglia che ha votato la propria esistenza ad un sogno di bontà e qualità: il gelato artigianale autentico. Ed oggi Gabrielino è inserito ancora una volta, con merito, nella Guida del Gambero Rosso 2018 tra i primi 100 gelati d’Italia. Da 85 anni l’insegna è famosa per il suo gelato, ma a colazione sono ottimi i caffè, i cappuccini e le altre specialità di produzione della casa.

Due gelaterie, a Mattinata e a Foggia, che raccontano una storia di passione e di qualità dei prodotti del Gargano. “Un giorno di tanto tempo fa un giovanotto, visionario e volitivo cominciò a preparare il gelato in un mastello a ghiaccio e sale in un piccolo borgo del Gargano: Mattinata. Era il 1933 e lui si chiamava Angelo Gabriele di Mauro, mio nonno”: queste le parole di Gabrielino Di Mauro, felice del lavoro che ama e oggi custode delle ricette e di quel fare unico e scrupoloso che sta tramandando alle sue due figlie e che è diventato sinonimo di qualità e innovazione, riconosciutogli unanimemente da anni.

Gabrielino è stato il primo a differenziarsi creando gusti unici e difficilmente replicabili, proponendo tra gli altri il gusto che porta il suo nome, Gabrielino, appunto: una crema con i migliori agrumi del Gargano, con pasta frolla sbriciolata e pezzettini di mandorle baresi, o anche il sorbetto di gelso rosso, Olivio all’olio extravergine d’oliva e ilpistacchio fatto con i soli frutti di Bronte.

Prodotti doc, dai gelati da passeggio ai sorbetti preparati con soli ingredienti del territorio, fino al catering ebanqueting dolciario di altissimo livello, Gabrielino oggi è una vera istituzione nel campo. Sono tanti, infatti, coloro che reputano il suo gelato il migliore dell’intero Gargano. Questo grazie all’amore, all’autenticità, alla competenza che accompagna la qualità artigianale con macchinari di produzione e stoccaggi di nuova generazione, necessari per mantenereinalterate tutte le caratteristiche organolettiche del gelato.

Questa è una storia unica come quella di tante famiglie che hanno votato la propria esistenza ad un sogno, contribuendo, ogni giorno, a renderlo realtà. Perché la nostra terra è prima di tutto fatta di persone per bene, di storie di successo e di prodotti di qualità.

Possono interressarti

Nonna Peppa, la donna più anziana d’Europa e il suo legame con San GiovannI Rotondo
Sociale
1276 views
Sociale
1276 views

Nonna Peppa, la donna più anziana d’Europa e il suo legame con San GiovannI Rotondo

admin - 15 luglio 2018

A un anno di distanza dall’intervento a cui si è sottoposta in Casa Sollievo della Sofferenza, Maria Giuseppa Robucci, classe 1903, con 115 anni (e quasi 4…

L’abito delle stimmate di Padre Pio unisce San Giovanni Rotondo e Assisi
Territorio e Turismo
966 views
Territorio e Turismo
966 views

L’abito delle stimmate di Padre Pio unisce San Giovanni Rotondo e Assisi

redazione - 13 luglio 2018

In occasione dell’anno commemorativo del centenario della stimmatizzazione permanente di Padre Pio e del cinquantenario della sua morte, l’abito che il Cappuccino indossava il 20 settembre 1918,…

“I musei raccontano la Puglia”: l’iniziativa della Regione per far conoscere i beni culturali
Cultura e Spettacolo
182 views
Cultura e Spettacolo
182 views

“I musei raccontano la Puglia”: l’iniziativa della Regione per far conoscere i beni culturali

redazione - 12 luglio 2018

Nasce la prima sperimentazione di rete tra le istituzioni culturali delle città pugliesi per un uso sempre più qualificato e condiviso del patrimonio. L’obiettivo è offrire un…

Da altre categorie