00:00:00
17 Jul

Una “Montagna” di emozioni

di Giovanni Luca Russo

Lo scorso 4 Febbraio 2018, sono stato invitato a trascorrere una giornata in montagna a Monte Sacro e Monte Saraceno con il gruppo di trekking “Garganowunderland” di San Giovanni Rotondo. Da appassionato non ho esitato un attimo e mi sono lanciato in quest’avventura. All’inizio ero un po’ scettico, pensavo, la solita escursione.

Una volta partiti noto subito un elevata organizzazione nella gestione del gruppo, c’erano anche gli speleologi dello “speleoclub Sperone” a dare una mano durante tutto il percorso, la gente molto entusiasta e curiosa, accenti e dialetti provenienti un po’ da tutti i dintorni (provincia di Foggia, Lecce e Napoli), fin da subito si notano nascere le prime amicizie.

 

Iniziamo con molta calma la salita. La passeggiata è piacevole, all’inizio del sentiero, prima di addentrarci nel boschetto, si può ammirare la vetta di Monte Saraceno (874 m. s. l. m.) a Nord-Est e il bel panorama a Sud-Ovest, offerto dalla piana di Mattinata.

 

Arrivati all’Abbazia, sembra tutto così surreale, un luogo incantato, nessuna fotografia ne racconto può trasmettere ciò che si prova alla visione dei resti dell’abbazia immersi nella natura selvaggia. La guida ci da alcune nozioni sulla sua storia e ci consegna la planimetria del sito dicendoci “oggi gli esploratori siete voi”. Da lì inizia a nevicare e l’atmosfera diventa magica, l’entusiasmo sale alle stelle ed inizia l’esplorazione. A gruppetti ci sparpagliamo lungo tutta la superficie dell’Abbazia (6500 m2 per l’esattezza), passando da neve a sole.

 

Arrivata l’ora di pranzo ci compattiamo tutti e con uno scenario in stile “mare anni 80”, ampio spirito di condivisione, chi tira fuori un caciocavallo, chi una “muscisca”, chi un fornellino con della carne pregiata e per concludere non poteva mancare un buon caffè.

Un po’ appesantiti dal troppo mangiare iniziamo la discesa per spostarci alla visita della necropoli Dauna presente sul Monte Saraceno con un’ampia veduta panoramica della nota “Faglia di Mattinata” che taglia tutta la parte meridionale del Gargano e prosegue in mare per diversi chilometri avente direzione Est-Ovest.

In questa seconda parte di escursione, che affaccia sul mare, il riflesso del sole riscalda i nostri animi.

Infine ci concediamo alcuni minuti di riflessione su quanto visto e quanto c’è ancora da scoprire sia per chi è venuto da lontano ma anche per noi del posto.

La giornata è passata velocemente in ottima compagnia, abbiamo scherzato, riso, fatto amicizia e soprattutto abbiamo imparato come il nostro territorio ha molto da offrire sia in termini storico – culturali che naturalistici, la non conoscenza di questi luoghi nascosti è ancora molta e bisogna affidarsi a gente esperta che li conosce molto bene.

Per info sui prossimi eventi: www.garganowunderland.it

Possono interressarti

Intitolato a Emma Francavilla il Centro Sociale Polivalente di San Giovanni Rotondo
Sociale
86 views
Sociale
86 views

Intitolato a Emma Francavilla il Centro Sociale Polivalente di San Giovanni Rotondo

redazione - 17 luglio 2018

Il 23 luglio, l’Amministrazione comunale dedicherà alla memoria della dr.ssa Emma Francavilla il Centro Sociale Polivalente per persone con disabilità. Emma Francavilla, moglie e mamma esemplare, è…

Il Sangiovannese Armando Radeglia è il nuovo coach della “Sveva Lucera”
Sport
719 views
Sport
719 views

Il Sangiovannese Armando Radeglia è il nuovo coach della “Sveva Lucera”

redazione - 17 luglio 2018

Armando Radeglia sarà il nuovo allenatore della squadra lucerina nella stagione 2018/2019 Nella passata stagione il coach Armando Radeglia è stato allenatore della Frassati San Giovanni Rotondo, squadra che…

16 luglio: festa della Madonna del Carmine. Una tradizione sentita anche a San Giovanni Rotondo
Territorio e Turismo
1031 views
Territorio e Turismo
1031 views

16 luglio: festa della Madonna del Carmine. Una tradizione sentita anche a San Giovanni Rotondo

redazione - 16 luglio 2018

Di seguito alcune notizie sulla festa della Madonna del Carmelo, tratte da siti di ispirazione cattolica. La festa liturgica della Madonna del Carmelo fu istituita per commemorare…

Da altre categorie