00:00:00
21 Jun

Buon compleanno, San Giovanni Rotondo

12 novembre 2017
3325 Views

di Leonardo Fania

“Nel mese di novembre 1095 il Conte normanno Enrico di Monte Sant’Angelo emise un decreto in cui per la prima volta si parla del “casale S. Johannis Rotundi”, posto ai piedi della vetta di “Castel Buzzano, ubi est terra antiqua inhabitata“. Si suppone quindi che Castel Buzzano, posto in cima alla montagna, venne abbandonata una prima volta dai suoi abitanti tra il 1008 e il 1095 per confluire nel casale di Bizzano, allo stresso sottoposto, prima che assumesse la denominazione di Sancti Johannis Rotundi”. (padrepioesangiovannirotondo.it)

Il 14 novembre, data più o meno “mitologica”, un po’ come il 21 aprile di romana memoria, è il giorno in cui San Giovanni Rotondo festeggia il proprio “compleanno”. Un giorno ai più sconosciuto, tanto che non si ricordano manifestazioni o eventi per celebrare l’evento, come magari avviene nella vicina Troia, prossima a festeggiare i 1000 anni della propria fondazione. La storia della nostra città è lunga e tormentata, purtroppo poco mainstream, dicevamo, ma ricca di spunti di riflessione e di critica. Non è questa la sede per discettare sulle interpretazioni che si danno, per esempio, delle stragi del 1860 e del 1920, ma il recupero della memoria storica è mettere una marcia in più, perché senza memoria non c’è presente, figuriamoci il futuro!

***

Quando, a marzo scorso, usciva sul web San Giovanni Rotondo free, molti, e anche alcuni tra noi, pensavano ad un gioco, qualcuno, con malizia, anche ad un passatempo per togliere spazio a qualcuno. Nel frattempo, il progetto cresceva e si arricchiva di idee e di “mani sulla tastiera” per offrire alla nostra città un nuovo modo di informare, mettendo da parte la politica, che volenti o nolenti a San Giovanni Rotondo non esiste più, e le polemiche sterili, futili o strumentali.

Non è stato facile: ci siamo accorti, ri-conoscendo amici vecchi e nuovi, delle straordinarie energie che la città possiede lontano dalle luci della ribalta. Idee e progettualità che nascono negli scantinati o nei garage e portate avanti senza che la collettività ne sia a conoscenza. Ecco, San Giovanni Rotondo free è nato proprio per questo motivo: dare voce a chi, mettendoci del proprio, cerca di risollevare la nostra città dal piattume che si percepisce, quasi toccandolo, camminando per le strade.

Certo, la crisi economico-sociale, che non è stata ancora superata, ha messo a nudo le fragilità e le incoerenze di San Giovanni Rotondo. L’idea del “prendi tutto e subito” ha fatto flop e sta scaricando, sui pochi giovani rimasti, il suo carico fallimentare.

Ma dai “giovani degli scantinati e garage” deve partire la nuova carica propulsiva: San Giovanni Rotondo free, pur cosciente degli enormi limiti e delle quotidiane difficoltà, vuole provare a invertire la rotta, coinvolgendo le nuove generazioni nell’arricchimento culturale della città. I numeri, al momento, sembrano darci ragione.

Con il coinvolgimento di tutti, speriamo di portare avanti questo progetto.

***

Sta per andare agli archivi anche il 2017: anche se in maniera non ancora ufficiale, i numeri indicano un maggior numero di presenze di turisti-pellegrini rispetto al 2016.

Tra poche ore giungerà in città per la terza volta, dopo il 1959 e il 2007, l’immagine della Madonna di Fatima. Questo evento si inserisce al termine delle celebrazioni per il centenario dell’arrivo di Padre Pio a San Giovanni Rotondo e vuole essere un’”anteprima” di quanto succederà nel 2018, quando si festeggeranno i 100 anni dell’impressione delle stigmate di Padre Pio e i 50 anni della sua morte. La programmazione e le progettualità stentano a decollare. Ancora una volta, come sempre (sic!), siamo nelle mani di Padre Pio: riuscirà, anche stavolta, a metterci una pezza?

Possono interressarti

Aperte le iscrizioni per la marcia del “Perdono del Gargano”
Territorio e Turismo
247 views
Territorio e Turismo
247 views

Aperte le iscrizioni per la marcia del “Perdono del Gargano”

redazione - 20 giugno 2018

E’ cominciato il conto alla rovescia per l’evento dedicato all’indulgenza plenaria della Chiesetta di Padre Pio. L’equipe vocazionale dei frati minori cappuccini del Santuario di San Giovanni Rotondo,…

A Monte Sant’Angelo una Notte Bianca Culturale per ricordare il riconoscimento UNESCO
Territorio e Turismo
475 views
Territorio e Turismo
475 views

A Monte Sant’Angelo una Notte Bianca Culturale per ricordare il riconoscimento UNESCO

redazione - 20 giugno 2018

Nell’ambito delle celebrazioni e degli appuntamenti previsti per ricordare il settimo anniversario del riconoscimento Unesco delle tracce longobarde del Santuario di San Michele Arcangelo nel Sito seriale…

“La sabbia nelle tasche”: un altro capolavoro del giallista del Gargano
Cultura e Spettacolo
1024 views
Cultura e Spettacolo
1024 views

“La sabbia nelle tasche”: un altro capolavoro del giallista del Gargano

redazione - 19 giugno 2018

Continua la rubrica letteraria del giallista del Gargano Michele Cesare Granatiero con un altro suo capolavoro, la sabbia nelle tasche : creduto morto in un incidente aereo, il…

Da altre categorie